I migliori conto correnti online

Ormai sono sempre più numerose le banche che mettono a disposizione dei loro clienti dei servizi di conto corrente online, particolarmente comodi perché permettono in qualunque momento e ovunque ci si trovi di accedere alle coordinate del proprio conto, visualizzare e gestire i movimenti di denaro in entrata e in uscita, e in generale di usufruire di tutti i servizi che la propria banca mette a disposizione dei correntisti; basta una connessione a Internet e un computer per avere letteralmente il proprio conto corrente a portata di mano.

Ma i conti correnti online non si limitano a rappresentare dei corrispettivi digitali ai conti correnti normali; infatti sull’onda lunga del fenomeno dell’Internet Banking, numerose banche hanno sviluppato delle forme di conti correnti solamente online. Questi ultimi, come vedremo, possono essere molto vantaggiosi per i correntisti perché presuppongono meno spese anche per le banche stesse, non dovendo essere gestiti remotamente (con una sede, del personale formato e degli incartamenti) in nessuna fase della loro esistenza, dalla creazione alla chiusura.

I conti correnti online sono sicuri?

L’obiezione che si sente sollevare più spesso in merito ai conti correnti online riguarda le garanzie di sicurezza che questi strumenti offrono. Se è vero che gli attacchi di pirati informatici sono una piaga con cui il mondo del web ha dovuto imparare giocoforza a convivere, i correntisti possono tuttavia dormire sonni tranquilli; infatti il livello di protezione e sicurezza dei conti correnti online generalmente è altissimo.

Le misure di precauzione prevedono, oltre all’utilizzo di server SSL (Secure Server Layers) per la trasmissione dei dati sensibili, solitamente anche l’obbligo di cambiare il proprio PIN o password di accesso a scadenza regolare, una “complicazione” che contribuisce a difendere i conti correnti online da eventuali attacchi di malintenzionati.

In questo senso i conti correnti online non sono meno sicuri di quelli tradizionali, e proprio il sempre maggior interesse verso questi strumenti ha portato a una crescita esponenziale anche delle procedure di controllo dei dati trasmessi. Anche le transazioni infatti dovranno essere autorizzate da codici di sicurezza trasmessi prontamente all’intestatario del conto (generalmente via SMS). Per quanto riguardo a i conti correnti ‘a doppio binario’, una precauzione che molte banche adottano e che si rivela particolarmente funzionale è quella della firma digitale, apposta su specifiche tavolette grafiche che provvedono a digitalizzare e riconoscere la calligrafia della persona.

Conti correnti online o conti correnti “anche” online?

Nei paragrafi precedenti abbiamo parlato delle differenze – e talvolta dei considerevoli vantaggi – che intercorrono fra conti correnti esclusivamente online o conti correnti “a doppio binario”; ossia, conti correnti tradizionali che dispongo anche di funzioni aggiuntive di Home (o Internet) Banking, per controllare da casa, o da dovunque ci si trovi, le proprie transazioni.

Si diceva anche che il primo e più importante criterio a favore dei conti correnti online rappresenta l’aspetto economico. Questi conti, infatti, sono per la maggior parte a costo zero, non comprendendo nessun tipo di spese aggiuntive per la banca che si occupa di gestire il conto (dal momento che tutte le procedure avvengono direttamente per via telematica); per alcuni conti potrebbe essere tuttavia necessario pagare un’imposta di bollo, a meno che la banca non preveda il bollo gratuito.

Del resto, per chi non è particolarmente portato per l’informatica, l’eccessiva automatizzazione dei conti correnti “solo online” potrebbe risultare controproducente, a dispetto dei costi irrisori (se non nulli); è il caso, per esempio, delle persone anziane, che sono anche le più suscettibili a cadere vittima dei cyber-hacker e pirati informatici. Infatti il rischio principale parlando di conto online non dipende tanto dalle misure di sicurezze previste dalla banca, che sono generalmente molto elevate, ma dall’inesperienza degli utenti.

Il diffuso fenomeno del phishing è una delle forme di truffa telematica che sfrutta proprio i target più “deboli”, perché meno pratici della tecnologia moderna. Attraverso l’invio di mail o messaggi fasulli, viene fatto credere al correntista di dover inserire i propri dati di accesso (compresi password e PIN), in genere con la scusa di un qualche malfunzionamento tecnico o di problemi legati al conto corrente. Le email truffa sono sempre più sofisticate al punto che non sorprende che molte persone caschino in questo genere di trabocchetto; occore però ricordare che nessuna banca chiederà mai per email di trasmettere dei codici personali d’accesso o dati sensibili.

Inoltre, nei conti correnti esclusivamente virtuali potrebbe essere più complicato riuscire a contattare un servizio di assistenza a cui porgere domande o chiedere spiegazioni; alcune banche mettono a disposizione helpdesk dedicati, form da compilare o numeri telefonici, ma non è necessariamente obbligatorio.

Come scegliere il miglior conto corrente online?

Alla luce di quanto visto finora possiamo stabilire che i parametri nella scelta di un conto corrente online piuttosto che di un altro (o di un conto tradizionale) dovrebbero orientarsi soprattutto a tre caratteristiche; funzionalità, trasparenza e convenienza.

La funzionalità è senza dubbio l’aspetto più ovvio se non il più importante. Assicuriamoci di avere a disposizione una connessione Internet stabile, e un computer aggiornato in grado di accedere senza problemi ai server sicuri della banca; inoltre, se le varie procedure (per il controllo dei movimenti, per l’impostazione di password, per effettuare bonifici e così via) ci appaiono troppo farrugginose, meglio limitarsi a soluzioni più convenzionali.

Anche la trasparenza è importante; un conto corrente solo online che garantisca comunque un certo grado di interazione, un servizio di assistenza e la possibilità di segnalare tempestivamente eventuali problemi ha sicuramente una marcia in più degli altri.

Infine, la convenienza sia in termini di tempo che di denaro; se pensiamo che un conto online possa farci risparmiare entrambe le cose (e in genere è così), quasi sicuramente stiamo facendo la scelta giusta. Informiamoci in precedenza su eventuali costi di gestione, che come già detto dovrebbero essere assenti in conti puramente digitali, ma non in conti correnti a doppio binario.